Via dei gigli

Qui dove tutto sembra si sia fermato, dove il tempo non è trascorso se non per far crescere i bambini. Tutto il resto è rimasto intatto, dopo un anno esatto. Le stesse persone, le stesse abitudini, il clima familiare di sempre come se nemmeno la quarantena possa cambiare il bello della vita e del ritrovarsi, con le novità e il sorriso tipico delle vacanze.

Leggi tutto “Via dei gigli”

Come un arcobaleno

Sono giorni che rifletto sul fatto che molto probabilmente sono ancora in lockdown, che la mia fase due corrisponde ad un leggero allargamento della cerchia sociale che frequento oltre al grande ritorno del mare nelle nostre vite. Niente di più. E rifletto sul fatto che questa mia fase due andrebbe un attimino modificata per consentirci una vita più normale, se di normalità si può parlare.

Leggi tutto “Come un arcobaleno”

Mamma dell’anno

La giornata scorre liscia, fino al momento dello sclero. Della serie le cose vanno bene fino a quando non vanno male. Eh beh. Ma il momento più terribile è quello della cena post doccia, con lei che vuole ancora giocare con l’acqua ma io che vedo lontano e la faccio uscire perchè so già che il disco rotto Appo gana è già pronto per essere inserito in entrambi i giradischi. E così fu.

Leggi tutto “Mamma dell’anno”

Noi, tutti noi

Sembra impossibile ma è successo. Un’intera giornata fuori dal mondo, senza minimamente pensare alla pandemia e a ciò che comporta quest’assurda follia che stiamo vivendo. Complice il mare, i suoi profumi e la sua aria di libertà. Una spiaggia quasi deserta, un po’ di vento che allontaniamo cambiando spiaggia, anche questa con pochissime persone presenti e distanti.

Leggi tutto “Noi, tutti noi”