Ritorno sulla terra ferma

Il ritorno alla vita quotidiana è sempre un trauma anche se ha comunque il suo fascino. E’ una catapulta tremenda che ti sbatte da una parte all’altra come un’onda anomala. Ti travolge con preavviso, e anche se sai cosa ti aspetta non sei mai preparato per ciò che dovrai affrontare.

Mi faccio travolgere, metto in ordine i pensieri e le cose da fare e con questi anche i ricordi di una vacanza inattesa e splendida. Una parentesi solare dove ci si dimenticava pure del covid e del suo disastro relazionale, piena di giochi e schizzi, saluti e incontri, buongiorno e anche voi di nuovo qui, mà vadia e tuffi non sincronizzati, bagni e merende come se non ci fosse un domani, proteste e pianti, sorrisi e mina vagante tra gli ombrelloni stile giro degli sposi tra i tavoli durante il pranzo nuziale, ombrellone legato e mercatino delle pietre, asciugamano pieno di sabbia appena steso e borsa frigo assaltata all’arrivo in spiaggia, gazza ladra in azione e cappellino indossato solo il primo quarto d’ora del primo giorno di vacanze, passeggiate serali e parco giochi in compagnia, crollo serale e risvegli all’alba, valigie fatte e disfatte e rifatte dopo un colpo di scena. E poi tutto finisce, salutiamo il mare e gli promettiamo che lo rivedremo presto perché abbiamo ancora bisogno di lui e della sua energia.
L’onda è quasi passata, ora ne sentiamo la sua forza e ne vediamo i suoi colori.
Travolti, ritorniamo sulla terra ferma, quella che ci riporta alla vita quotidiana con un bagaglio di esperienze in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *